Assunzioni straordinarie Cap-Coe. ANCI Sicilia: “Una grande opportunità per gli Enti locali dell’Isola che potranno inviare la manifestazione d’interesse entro il 30 gennaio”

0
392

Proseguono gli incontri a cura di ANCI Sicilia e dedicati al Programma Nazionale di Assistenza Tecnica Capacità per la Coesione 2021-2027 (Cap-Coe) finalizzato al rafforzamento della capacità amministrativa delle città metropolitane, delle province, delle unioni di comuni e dei comuni di: Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.
Il webinar, svoltosi stamattina e organizzato dall’ANCI Sicilia insieme ad ANCI e in collaborazione con il Dipartimento per le politiche di coesione, ha illustrato i requisiti, le procedure e le modalità di adesione all’Avviso pubblico (decreto n. 607 del 21 novembre 2023).
Il 30 gennaio 2024 scade, infatti, il termine per la presentazione della manifestazione di interesse, che dovrà essere inoltrata attraverso la piattaforma del Dipartimento per le Politiche di Coesione (http://portaleavvisi.capcoe.gov.it/) per accedere al finanziamento strutturale di assunzioni a tempo indeterminato di funzionari da destinare all’attuazione delle politiche di coesione con le risorse della Programmazione Nazionale Capacità per la Coesione 2021-2027 e con le modalità disciplinate dall’art. 19 del D.L. 124/2023 (DL SUD).
Nel corso dell’incontro i relatori, tra i quali Agostino Bultrini, responsabile ANCI Dipartimento Politiche del personale e relazioni sindacali dei Comuni e Massimo Petrucci, consulente dell’Agenzia per la Coesione territoriale, hanno illustrato i contenuti dell’Avviso e risposto ai quesiti posti dai numerosi partecipanti all’incontro.
“Il Programma Nazionale di Assistenza Tecnica per la Capacità e per la Coesione 2021-2027- hanno dichiarato Paolo Amenta e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale dell’ANCI Sicilia- è un’opportunità imperdibile per dotare gli Enti locali dell’Isola di nuove professionalità e per compensare le gravi carenze di organico che molto spesso limitano l’attività ordinaria e la progettazione territoriale degli Enti”.