http://livregratis.fr/ - http://club-ebook.fr/ - http://ebooks9.fr/

Contratti pubblici e partenariato pubblico e privato: se ne parlerà in due seminari a Messina e Siracusa il 5 e 6 dicembre

“Affidamenti sotto-soglia, RDO MEPA e applicazione del principio di rotazione. Il Partenariato pubblico e privato nei suoi aspetti economico-gestionali”, questo il titolo di due seminari in programma per il  5 e 6 dicembre prossimi, che si svolgeranno rispettivamente a Messina, presso il salone delle Bandiere di palazzo Zanca e a Siracusa presso il comprensorio del castello Maniace di via Gaetano Abela. L’iniziativa organizzata da AnciSicilia  e  IFEL sarà introdotta e coordinata dal segretario generale di AnciSicilia, Mario Emanuele Alvano e conterrà le relazioni di Loris Pierbattista, direttore del Servizio Centrale di committenza di Ascoli Piceno e di Fabrizio Rossi, docente di economia e organizzazione aziendale presso l’università degli studi di Cassino e del Lazio meridionale.

La materia degli affidamenti di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, cd. “affidamenti sotto-soglia”, è disciplinata dall’art. 36 del Codice dei contratti pubblici (D.lgs. 50/2016), il quale prevede che le stazioni appaltanti procedano all’affidamento di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria, attraverso procedure semplificate.

“La cooperazione tra il pubblico e i privati è da considerare, sempre, una grande opportunità per gli enti locali in quanto  consente all’amministrazione di accrescere le risorse a disposizione e acquisire soluzioni innovative per costruire e gestire infrastrutture o fornire servizi di interesse pubblico– dichiarano Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale di AnciSicilia – e gli incontri seminariali  in programma a Messina e Siracusa in programma per il 5 e 6 dicembre, che organizziamo con il prezioso supporto di IFEL,  sono finalizzati a far conoscere ad amministratori e funzionari degli enti locali tutte le novità relative all’applicazione del nuovo Codice di Contratti e in particolare le procedure sottosoglia che nel rispetto del principio di economicità  darebbero la possibilità anche alle piccole e medie imprese  di poter partecipare con un conseguente ritorno economico per il territorio coinvolto”.