E’ necessario istituire un tavolo istituzionale per garantire il valore della democrazia

0
367

Il Direttivo dell’AnciSicilia, riunito il 9 dicembre 2008 a Villa Niscemi, ha preso in esame la grave situazione politica che si registra oggi in Sicilia stigmatizzando in modo fermo e deciso l’attacco che da tempo, ormai, si sviluppa nei confronti dei Comuni e delle altre Istituzioni locali. “Così continuando – è stato detto nel corso del dibattito – si corre il rischio di logorare non solo i rapporti istituzionali ma anche lo stesso principio e valore della democrazia, che viene indebolita nella sua frontiera più avanzata”.
“E’ necessario fermare questa deriva ed invertire la attuale tendenza – ha ulteriormente sottolineato il Direttivo dell’AnciSicilia – riavviando una fase nuova di relazioni con la Regione per definire le innumerevoli questioni che angustiano le Comunità locali. Non è infatti immaginabile che si possano operare delle riforme vere senza il coinvolgimento delle Istituzioni che le devono poi realizzare. Dalla riforma degli Ato rifiuti, alle norme in materia di gestione dei servizi idrici, dalla riforma sanitaria alla riduzione dei costi della politica, fino alla legge finanziaria ed alla riconsiderazione della Programmazione 2007-2013, è necessario che il Governo della Regione si sieda ad un Tavolo istituzionale con Comuni e Province per decidere assieme il da farsi. Viceversa sarà difficile uscire in avanti dalle difficoltà che i territori isolani sono costretti a vivere. In ogni caso i Comuni non accetteranno la deriva in corso e si batteranno per trovare, comunque, una soluzione”.