I Sindaci siciliani chiedono ai 9 Prefetti dell’Isola risposte concrete e norme adeguate a porre fine alle gravissime criticità finanziarie e organizzative dei comuni

Continuano gli incontri fra i sindaci e i prefetti dell’Isola per affrontare le gravissime criticità finanziarie e organizzative dei comuni siciliani. Dopo gli incontri nelle prefetture di Catania e Siracusa di stamattina, le delegazioni di sindaci, nel rispetto delle norme anti COVID 19, delle province di Palermo, Messina, Trapani Caltanissetta e Ragusa hanno evidenziato, ai rispettivi Prefetti, la difficile condizione degli Enti locali dell’Isola.


“Abbiamo rappresentato oggi le condizioni di insostenibilità dal punto di vista finanziario e del personale di tutti i comuni siciliani, per chiedere risposte concrete al Governo nazionale, quelle risposte che il Governo nazionale ha dichiarato di essere intenzionato a dare ma che non sono mai arrivate”. Ha dichiarato Leoluca Orlando, presidente di ANCI Sicilia.
“Oggi abbiamo descritto la drammaticità delle condizioni dei nostri comuni, reiterando la nostra disponibilità a dimissioni di massa – continua il presidente Orlando – per far comprendere che non si tratta di problemi che riguardano un comune o l’altro ma di problematiche che riguardano l’intero sistema degli Enti locali siciliani, che pagano le conseguenze del mancato raccordo tra la speciale autonomia siciliana e il Governo nazionale con la conseguenza che da Reggio Calabria in su i comuni ricevono interventi finanziari e hanno una normativa diversa da quella con cui siamo costretti a confrontarci in Sicilia”.

Galleria foto

M