spot_imgspot_img
HomeComunicati StampaPatto di Ventimiglia, i Sindaci rilanciano il settore turistico attraverso le...

Patto di Ventimiglia, i Sindaci rilanciano il settore turistico attraverso le scuole e un accordo pubblicitario con la Gesap. Il Presidente Orlando: “Iniziative che potranno rendere più fertile lo sviluppo locale”

Fare “rete” in maniera efficace per promuovere il territorio: questi gli obiettivi del Patto di Ventimiglia che, riunitosi ieri pomeriggio a Monreale, oltre ad affrontare problemi relativi a rifiuti e precari, ha dato il via ad altre due iniziative per la valorizzazione del turismo locale.
Il primo riguarda il progetto “School Trip on Palermo” che sarà esteso a tutta la Provincia: dedicato alla promozione di itinerari turistici rivolti al mondo delle scuole, il progetto si propone di valorizzare il viaggio di istruzione delle scolaresche promuovendo la mobilità dei giovani con occasioni di scambio culturale tra studenti di diverse realtà locali per facilitare una forma di turismo che abbia funzione educativa e didattica.
Inoltre, è stato sottoscritto un accordo con la Gesap: la società di gestione dell’aeroporto Falcone Borsellino di Palermo darà ai comuni del Patto la possibilità di utilizzare la rivista, le sale aeroportuali e gli aeromobili per la pubblicità istituzionale, senza spendere un euro.
‘Riteniamo molto importante – ha spiegato il presidente dell’AnciSicilia, Leoluca Orlando- coinvolgere in queste iniziative tutto il territorio della Provincia. L’ospitalità e la competitività nei mercati nazionali ed esteri sono, infatti, i tratti distintivi dell’attrattività che possiamo vantare sul piano turistico e che potrà rendere fertile il nostro sviluppo locale”.
“Con l’incontro di oggi – ha dichiarato Antonio Rini, sindaco di Ventimiglia di Sicilia – si è confermata la filosofia del Patto di Ventimiglia, ossia quella che affronta con spirito costruttivo e propositivo le tante emergenze dei Comuni”.
“La scelta vincente – continua Rini è fare rete e realizzare buone pratiche. I sindaci non possono aspettare i tempi della politica, hanno bisogno di dare risposte concrete e immediate ai loro territori”.

ARTICOLI CORRELATI

IN EVIDENZA