Protocollo “Trame d’Occidente”, attivato car sharing nella città di Trapani

0
132

“Credo stia emergendo, nonostante tutto e nonostante tanti, una realtà che molti sottovalutano. Esistono, infatti, amministrazioni comunali che hanno deciso, al di là di schieramenti e di recinti, di lavorare insieme e di essere ottimisti”.

Lo ha detto Leoluca Orlando, presidente dell’AnciSicilia, che questa mattina a Trapani ha preso parte  all’inaugurazione di due parcheggi car sharing.

L’attivazione del Car Sharing a Trapani si inserisce nel contesto del Protocollo d’Intesa “Trame d’Occidente”, sottoscritto lo scorso 21 dicembre, grazie anche alla collaborazione dell’AnciSicilia,  fra la città di Palermo e altre Amministrazioni dell’Area Vasta dell’ex Provincia di Trapani quali Castellammare del Golfo, Marsala, Trapani, Castelvetrano,Calatafimi/Segesta, Buseto Palizzolo, San Vito Lo Capo e Alcamo.

“Esprimo la mia soddisfazione – ha continuato il presidente Orlando – perché con il patto “Trame d’Occidente”, sottoscritto ad Alcamo grazie anche all’esemplare ospitalità del sindaco Bonventre, i comuni della provincia di Palermo e di Trapani acquisiscono un nuovo servizio che servirà loro per dimezzare tempi e costi di percorrenza. Sono evidenti l’utilità e l’innovazione di questo sistema che, a Trapani, mette a disposizione degli utenti due postazioni con quattro stalli e quattro auto destinate al collegamento con gli aeroporti”.

“Ringrazio il sindaco Damiano – ha concluso il Presidente dell’Associazione dei comuni siciliani che ha portato avanti il progetto in maniera esemplare. Il servizio sarà sicuramente utile ai turisti ma anche a tutti i siciliani che non avendo a disposizione un collegamento pubblico per recarsi in aeroporto, potranno comodamente servirsi di un’auto del car sharing con costi ridotti e con facilità di parcheggio. E’ sicuramente un grande passo avanti, un messaggio di innovazione sul tema della mobilità sostenibile”.

“Si tratta – ha continuato il sindaco di Trapani, Vito Damiano – di un sistema che ha come obiettivo l’evoluzione del trasporto urbano e che offre ampie possibilità per un futuro sostenibile. L’amministrazione comunale, solo per fare un esempio, potrebbe dismettere il proprio parco macchine per utilizzare questo sistema di trasporto condiviso abbattendo i costi. Adesso, il prossimo step sarà quello di estendere il progetto ad altri comuni, con l’obiettivo di rendere un servizio utile ai cittadini e di contribuire alla vivibilità dei nostri territori”.

“Con l’avvio dell’attività di servizio pubblico condiviso con car sharing nella città di Trapani – ha concluso il presidente dell’Amat, Antonio Gristina – si pone un tassello importantissimo per dare un impulso allo sviluppo, in sintonia con il protocollo “Trame d’Occidente”. L’Amat ritiene che la città di Trapani, quale capoluogo di provincia, sia importantissima come trampolino di lancio del sistema condiviso in tutto il territorio, e ottimale per il rilancio dell’economia. Anche la data di inaugurazione, legata all’avvio della stagione estiva, consente di ottenere quel bacino di utenza ottimale per il raggiungimento degli obiettivi”.