Rifiuti, presentato il progetto “Raee@scuola”. Gli studenti in prima linea per il corretto smaltimento dei piccoli elettrodomestici

0
236

Un progetto nazionale per insegnare ai ragazzi di tutta Italia come gestire e smaltire correttamente i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Questo il tema affrontato dall’innovativa campagna di comunicazione ambientale in programma tra settembre 2013 e marzo 2014 nelle scuole primarie di trenta comuni italiani e che coinvolgerà gli studenti delle classi quarte e quinte promosso da Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e dal Centro di Cordinamento Raee (CdC RAEE), a cura di Ancitel E&A, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. L’iniziativa è stata presentata, nei giorni scorsi, presso la sede ANCI, a Roma, fra gli altri da Filippo Bernocchi, delegato ANCI energia e rifiuti ed Ermete Realacci, Presidente Commissione Ambiente Camera dei Deputati.
Il progetto prevede un percorso permanente nelle scuole con la finalità di educare l’attuale generazione e quelle future ad avere a cuore il bene dell’ambiente attraverso la corretta gestione dei RAEE.Il materiale ludico-informativo – composto dal documento “Linee Guida per la raccolta dei RAEE presso la scuola”, giornalino studenti, poster, etc. – verrà distribuito nelle scuole e gli alunni saranno invitati a portare da casa i RAEE che in famiglia non vengono più usati, per raccoglierli in appositi contenitori posizionati all’interno delle scuole. I RAEE verranno poi ritirati dagli addetti del servizio igiene urbana i quali si occuperanno della gestione trasportandoli al centro di raccolta comunale. Un’attività di micro raccolta della durata di due settimane per ogni comune coinvolto. Al lavoro che verrà effettuato nelle classi sarà affiancato un concorso web fotografico, in programma dalla prima settimana di ottobre.  E’ già on line il sito del progetto (www.raeescuola.it) dove è possibile scaricare tutto il materiale informativo. Sono inoltre già attive la pagina Facebook e il canale YouTube dedicati all’iniziativa. Verranno inoltre assegnate 17 lavagne interattive multimediali (LIM), una per ogni regione, e donate alla scuola che avrà raccolto il maggior quantitativo RAEE.I Comuni siciliani coinvolti nel programma di sensibilizzazione ambientale saranno Siracusa e Avola.