Bilanci di previsione entro il 30 luglio. Accordo raggiunto in Conferenza Stato-Citta’

0
144

‘‘L’accoglimento da parte del governo della richiesta ANCI di fissare al 30 luglio il termine per i bilanci preventivi 2015 è un atto positivo, che facilita il negoziato in corso e consente ai Comuni di redigere i bilanci in un quadro di maggiori certezze, anche tenendo conto delle misure finanziarie e ordinamentali che saranno contenute nel decreto Enti locali in via di definizione’‘. E’ quanto ha dichiarato il presidente dell’ANCI, Piero Fassino, al termine della riunione della Conferenza Stato-Citta’ che ha registrato l’intesa sullo slittamento dal 31 maggio al 30 luglio per la presentazione dei bilanci previsionali 2015.‎
Il Presidente dell’ANCI puntualizza che ‘’il nuovo termine si e’ reso necessario poiche’ i Comuni non sono ad oggi nelle condizioni di operare all’interno di un quadro normativo e finanziario certo, stante il negoziato in corso con il Governo, che riguarda temi altrettanto importanti per la redazione dei bilanci: dal ripristino del fondo perequativo Imu-Tasi, alla rinegoziazione dei mutui con Cassa depositi e prestiti e ministero dell’Economia. Non ultimo, la nostra richiesta – ha sottolineato Fassino – e’ stata dettata dal fatto che piu’ di mille Comuni, andando al voto, non sarebbero stati in grado di rispettare il termine del 31 maggio’‘. (Fonte: Anci)

15.05.15 decreto rinvio